La Rappresentazione dell'Abruzzo aquilano nelle mappe degli atti demaniali del XIX secolo

GIORNATA DEL PAESAGGIO 14 marzo 2021
Si propone con la mostra, realizzata dalle tre sedi dell'Istituto: l'Aquila, Avezzano e Sulmona, la visione del territorio della Provincia di Abruzzo Ulteriore Secondo nel XIX secolo, attraverso mappe e piante  coloratissime e molto dettagliate di periti esperti conoscitori dei luoghi, i cui lavori diventavano fondamentali per dirimere le molte controversie sorte tra comuni confinanti, e tra i comuni e gli ex feudatari, per l'attribuzione di territori e definizioni di confini, a seguito della emanazione della legge del 2 agosto 1806 di abolizione della feudalità nel Regno di Napoli.
Questa preziosa documentazione, oltre all’aspetto sopra richiamato, ci offre la possibilità di studiare il paesaggio con le sue caratteristiche, confrontarlo con le trasformazioni operate dalla mano dell’uomo durante il corso degli anni in relazione al contesto storico, economico, sociale, urbanistico, colturale.
Appartenenti tutte alla Serie “Atti demaniali dei comuni”, conservata presso l’Archivio di Stato dell’Aquila, le mappe e le piante in mostra sono a disposizione degli studiosi, in formato digitale, anche nelle due Sezioni di Avezzano e Sulmona.
La mostra è fruibile dal 14 marzo 2021.

La mostra si articola in 3 sezioni:

- L'Aquilano

- La Valle Peligna e l'Alto Sangro

- La Marsica

Per approfondire, si rinvia alla maschera di ricerca che consente di accedere alle singole descrizioni ricercando per numero di tavola, località o descrizione della singola unità documentaria.

Locandina mostra marzo 2021